Educare alla Cittadinanza attiva

partecipazioneL’avvocato Giuseppe Marascia, nella scorsa campagna elettorale, sosteneva: «la gente è confusa ed impaurita dalla controinformazione di sistema approntata dall’ordine costituito di fatto che controlla i canali ufficiali dell’informazione».

Per superare quello che per lui era un problema, il nostro candidato sindaco sosteneva come fosse «necessario offrire modelli comportamentali alternativi tendenti alla costituzione di un tessuto sociale e di una coscienza effettivamente democratici».

Per questo che nel nostro programma amministrativo era indicato – fra le funzioni da assegnare al Comune – quella di «educatore della cittadinanza». Questo perché «il Comune è l’organismo pubblico più vicino alla gente».

Solo la «formazione di una cittadinanza consapevole del potere sovrano che detiene democraticamente» potrà consentire «il perseguimento del bene comune».

In quest’ottica “Città a Misura d’Uomo” aveva inserito, nel futuro organigramma della propria Giunta Municipale la figura dell’assessore alla comunicazione.

Finita la campagna elettorale, il movimento “Città a Misura d’Uomo”, a conferma della propria convinzione, vuole proporsi come «educatore della cittadinanza» in attesa che lo diventi il Comune.

In quest’ottica, sono state predisposte, di seguito, delle “schede formative” che il Movimento curerà di divulgare nelle migliori forme possibili.

Potrebbero interessarti anche...